Comune di Spilimbergo
Sito Web Ufficiale - Official Web Site

PIAZZA DUOMO

Piazza Duomo da Palazzo La Loggia
Palazzetto Daziario
Palazzetto Daziario - particolare dell'ingresso
Palazzetto Daziario
Palazzi storici all'inizio di Corso Roma, a fianco del Palazzetto Daziario
Palazzo di Via Alighieri
Palazzo la Loggia
La "Macia" unità di misura scolpita su una colonna di Palazzo La Loggia
Palazzo La Loggia

La Piazza Duomo era il centro delle attività amministrative ed economiche.

Qui tenevano banco i mercanti che arrivavano dalle città vicine risalendo il guado del Tagliamento.

In questa bella piazza si svolgevano le trattative, si eseguivano i controlli sulle merci e si pagavano le gabelle.

Restano a testimoniarlo:


il duecentesco Palazzetto del Daziario, sede dei magistrati (qui si riscuotevano i dazi ed ogni altra gabella imposta dai Signori) e il Palazzo della Loggia (XIV secolo), sul lato settentrionale, già sede municipale. L’edificio di stile veneziano, chiamato anche Pergola, ebbe, nel corso dei secoli diverse destinazioni: fu forse costruito nel secolo XIV e serviva ai Signori di Spilimbergo per trattare affari con i vassalli o per riunirvi gli uomini d’arme; era luogo obbligato per i viandanti ed i mercanti che giungevano dal guado del Tagliamento.
La Pergola divenne poi granaio dei Signori e luogo dove venivano immagazzinate le merci ed effettuati i controlli: su una colonna del portico è tuttora incisa la Macia, l’antica unità di lunghezza, che serviva per controllare la regolarità delle compravendite.
Fu anche destinata a carcere finchè nel 1812 fu ceduta alla Società filodrammatica che la trasformò in un elegante teatro; nel 1865 l’edificio fu alzato di un piano per far posto ad un altro ordine di palchi.
Fu ristrutturato dopo i consistenti danni subiti dal terremoto del 1976.
Ospita attualmente gli Uffici del Giudice di Pace.

Chiesetta di Santa Cecilia

particolare degli affreschi interni
statuetta di San Pietro


Fra il Duomo e il Castello, quasi del tutto nascosta al visitatore che si trovi nella Piazza, sorge un’antica chiesetta: è la più antica tra le chiese di Spilimbergo essendo documentata fin dal 3 dicembre 1271 (13 anni prima della costruzione del Duomo).
Piccolo edificio ad aula rettangolare (un tempo absidata) presenta una porta d’ingresso del 1506 di semplicissima fattura e all’interno alcuni affreschi trecenteschi di qualche interesse; dell’antico arredo attestato dalla fonti non sussiste traccia.
Sul fianco nord si apre un’antica porta con stipiti in blocchi di pietra irregolari ed archivolto con elementari motivi geometrici e 2 figure in altorilievo (Ss. Pietro e Giacomo) sull’intradosso: uno dei rari esempi di scultura romanica in Friuli.
Mutilata dell’abside alla fine del ‘500 e del campanile nella seconda metà dell’800, è stata oggetto di restauro nel 1978-80.