Comune di Spilimbergo
Sito Web Ufficiale - Official Web Site

LA SCUELA DI MOSAIC

Spilimberc, "Sitât dal Mosaic"

Spilimbergo è attorniata da torrenti sassosi, da ghiaieti assolati più ricchi di pietre che di acque: il Tagliamento, la Cosa, la Meduna che racchiudono, come in magico scrigno, la materia prima del mosaico, vale a dire i sassi, diversi per forma, per natura e soprattutto per colore.
Ed è proprio sul greto del Tagliamento che, agli inizi dell’anno scolastico …. si recano gli allievi della Scuola di Mosaico, guidati dagli insegnanti
, per farne una scelta ed un necessario rifornimento. Siano essi bianchi o neri, grigi o verdi o rossi, vengono aperti con un colpo secco di martello per scoprire l’intima fibra e la recondita vena cromatica in cui l’occhio intravede la possibilità di impiego per realizzare questa o quella figura o particolare di essa”. (Gianni Colledani, “Spilimbergo” - ed. Pro Spilimbergo, dic. 1987) 

Spilimberc a ei comunementri conossuda come la "Sitât dal Mosaic" par via che uchì a opera la Scuela Mosaiciscj dal Friûl, nassuda uficialmentri tal Zenâr dal 1922, erêt da la antiga tradission musiva romana e bizantina e duncja aquileiês e venessiana. Spilimberc a ei vuê la capitâl dal mosaic decoratîf, pavimentâl o parietâl, come che a stan a dimostrâlu li imponents e pressiosis operis vignudis fôr da la Scuela e dai laboratoris sitadins, operis che a abelissin aeropuarts , stassions, albergos, metropolitanis, universitâts, regis, residensis publichis e privadis, palestris, stadios, catedrâi, moscheis, santuaris e monasteris in ducj i cjantons dal mont. Inta la Scuela, sot la guida di insegnants esperts e un grum qualificâts, a vegnin eseguîts, su li olmis da l’invenssion dal mosaic a ledrôs dal sequalsês Giandomenico Facchina, lavôrs di ogni sorta, su bozets dai pi famôs artists contemporagns.

La fama da la Scuela a ei ben meretada e, ben oltri il comun apressament, al sta a dimostrâlu il credit e il lustri che jê a gjôlt in dut il mont, dulà che, da Detroit a Los Angeles, da Parigi a Tokio, da Buenos Aires a Canberra, a spica in biela evidensa, su li' parêts brilants di smalts, la sigla SMF (Scuela Mosaiciscj Furlans), una sigla che a esprim tradission e inovassion, capacitât e inventiva. (tescj in Talian di Gianni Colledani)

L'ingrès da la Scuela Mosaiciscj dal Friûl
Particolâr dal paviment da l'ingrès da la Scuela Mosaiciscj dal Friûl