Comune di Spilimbergo
Sito Web Ufficiale - Official Web Site

GRADISCJA

Il document pi antic che al ricuarda la localitât al va indavôr fin tal 1213, an indulâ che l'abât di Mueç al conferiva a Walterpertoldo I, siôr di Spilimberc, “l'avocazia” di Dignan a la presinsa, fra chei altris, di Colo et Stephanus fratres de Gradisca. Chistu ultin al risulta presint e insiemit a Corrado, fioi dal siôr Colla il 21 di Fevrâr dal 1244 a l'at di division dai bens feudâi fra Otto Bregonia di Spilimberc e i fioi Walterpertoldo II e Brigonissio, comprinduda la villa Gradische

Se da una banda i documents a zontin propit pôc a la vecja storia, il Cjastilêr sul Cosa a ni fevela di una continuitât abitativa atestada bielzà intal XI secul a.C. (etât dal bronso finâl), proseguida in epoca romana e rinvigorida, tal Alt Medioevo, da una comunitât di lenga e cultura slava da la cuâl al è dipindût il toponim atuâl, dal clâr significât di lôc difindût, altura fortificada

Tal cors dai secui, Castellerium/Gradisca al à vût un ruolo impuartânt tal sistema difensîf e viari dal Medio Friûl, poneta come che a era a presidiâ la planura e i guados sul Tiliment. Interessant al riguart segnalâ la presinsa, su la sponda contraria dal flum, di un fortilissi compagn a Bonzìc cussì come il testament dal 6 di Avrîl dal 1290 cul cuâl Walterpertoldo II di Spilimberc al regolamentava il servissi di passo a barca atîf sul Tiliment, disponint, tra l'altri, l'uso a gratis dal stes e dal hospitium, lì tacât, a servissi dai pelegrins e viandants. 

Sot al podê feudâl dai Spilimberc, Gradiscja a larà davôr a li' sortis da la Pieve di Cosa o di S. Zorz da la Richinvelda unida a la Mensa Cjapitolâr di Concordia e, duncja, di Provesan, costituînt cun chista ultima una unica realtât parochiâl fintramai tal 1858. 

La sô storia vecja a conta di ospissis e locandis a servissi dal pass, di montanis improvisis e muarts inneâts, di pestilensis e processions votivis, di grandis distesis di glera lassadis su li' coltivassions dal Tiliment e dal Cosa, di batudis di cjassa e di pescja di frodo, di grandis cuistions e barufis fra li' comunitâts rivieraschis par cjapâ su i lens e dut chel che la aga a abandonava tra i salets. 

In timps a nô pi vissins, la cronaca a nota la ricostrussion, su sedime da la precedênt, da la Parochiâl di San Stiefin protomartir e da la tor cjampanaria, lì tacada, ta la prima metât dal Votcent; invessit la realisassion da la passerela sul Tiliment, metuda a archet tra Gradiscja e Bonzìc, a risalìs ai prins mês dal 1915. 

Ai prins dal secul passât a risalìs la fondassion da la Societât Agricola Operaia di Mutuo Socors di San Paolo (1902) insiemit da la Scuela serâl di disen e da la Lateria di S. Florian (1911), la costrussion dal monument ai Muarts da la Prima Guera Mondiâl (1919), dal edifissi scolastic (1906) e da la Glesiuta di Fatima (1944-45). Tal 1945 a ven erèt l’Asilo Infantîl al cuâl al è subentrât, tal Jugn dal 1990, l’Asilo Nît “Il Dedùt” (“Il Mignolo”).

A mont dal abitât a si è lât svilupânt la zona agro-alimentâr cui siei stabiliments latiero - casearis, i implants di stocagjo dai cereâi. Tal Avôst dal 2006 a son rivâts a conclusion i lavôrs di costrussion dal Centro Sociâl, inserît inta la area sportiva e ricreativa di via Cividin, atressada e mantignuda da l’Associazion Gradiscja, bielzà Societât Operaia. 

Tra li' operis meritevui di atension, a si segnalin: il Cjastilêr dongja dal pûnt sul Cosa; il patrimoni di art conservât ta la parochiâl e ta la glesiuta di Fatima; i afrescs votîfs che a decorin cualchi abitassion tra i cuai, l’edicola di S.Florian opera di G.Narvesa (sec. XVII) oltre a la Cjasa di Doro, stimabil testimoniansa di abitassion borghês dal ‘700 ta la cuâl la tradission a vôl che a vedi durmît Poleon I. (tescj par Talian di Daniele Bisaro) 

 

Patron: San Stiefin protomartir, 26 di Dicembre 

Sagra Paesana: seconda domenia di Setembre

Parochia: San Stiefin

Gradiscja dal'alt
Ortofoto di Gradiscja
Glesia Parochiâl di San Stiefin Protomartir
Glesiuta di Fatima (1944-45)
Particolâr Edicola di San Florian (opera di G. Narvesa) in Via San Stiefin

GRADISCJA e i siei Muarts in Guera

Monument ai Muarts in Guera inPlassa Gorissia a Gradiscja

elenco presint inta li' lapidis dal Monument ai Muarts in Guera

Muarts in Guera 1915-18  

  • Bisaro G. B. n. 1893 caduto 3/6/1915
  • Cesaratto Alessandro n. 1887 caduto 3/7/1915
  • Bisaro Costante n. 1894 caduto 3/11/1915
  • Volpatti Valentino n. 1892 caduto 25/5/1916
  • Tilio Luigi n. 1892 caduto 18/6/1916
  • Cesaratto Gio Maria n. 1872 caduto 7/8/1916
  • Clarotto Luigi n. 1885 caduto 10/9/1916
  • Bisaro Giuseppe n. 1891 caduto 19/10/1916
  • Bisaro Francesco n. 1882 caduto 22/12/1916
  • Bisaro Annibale n. 1884 caduto 24/4/1917
  • Cividin Amadio n. 1885 caduto 21/10/1916
  • Bertuzzi Emilio n. 1893 caduto 14/6/1917
  • Clarotto Davide n. 1895 caduto 15/6/1917
  • Bisaro Antonio n. 1891 caduto 15/2/1918
  • Bertuzzi Luigi n. 1900 caduto 6/10/1918
  • Cazzitti Luigi n. 1894 caduto 13/10/1918
  • Lenarduzzi Francesco n. 1887 caduto 24/10/1918
  • Cesaratto Valentino n. 1896 caduto 2/11/1918
  • Bisaro Guerrino n. 1893 caduto 4/1/1919
  • Cividin Giovanni n. 1880 caduto 6/2/1919
  • Rossi Giacomo n. 1890 caduto 14/2/1918