Comune di Spilimbergo
Sito Web Ufficiale - Official Web Site

I.M.U.

GUIDA ALL'IM.U. 2017

Logo IMU

Anche quest’anno, allo scopo di rendere più agevole il calcolo ed il versamento delle Imposte comunali, ai contribuenti di Spilimbergo viene inviato apposito prospetto riassuntivo degli immobili per i quali sono dovute l’IMU e la TASI, considerando i dati, le informazioni e gli aggiornamenti contenuti nella base dati comunale alla data del 31 dicembre 2016, unitamente al modello di versamento F24 precompilato.

Il primo invio avrà per oggetto l’acconto da versare entro la scadenza del 16 giugno 2017, e consentirà, eventualmente, di aggiornare o adeguare i dati dell’Ente in funzione del secondo invio per il versamento del saldo IMU e TASI, da eseguire entro la scadenza del 18 dicembre 2017.

E’ importante che il contribuente verifichi la correttezza dei dati inerenti gli immobili posseduti, i periodi e le percentuali di possesso, nonché le eventuali agevolazioni applicate allo scopo di determinare l’imposta effettivamente dovuta: la responsabilità dell’esatto versamento d’imposta resta sempre a suo carico e, per questa ragione  l’invio dei modelli precompilati non esclude l’eventuale accertamento di imposte in tutto o in parte non versate.

Il contribuente che non avesse ricevuto il modello di pagamento o avesse riscontrato irregolarità o mancanza di dati o variazioni necessarie al calcolo IMU e TASI dovute è invitato a contattare o rivolgersi all’ufficio Tributi del Comune

Presupposto dell'Imposta

Il presupposto dell’IMU è il possesso di immobili (fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli); l’imposta si calcola applicando al valore dell’immobile l’aliquota deliberata annualmente dal Comune.

L’IMU non è dovuta per l’abitazione principale del soggetto passivo e per gli immobili ad essa equiparati, ad eccezione di quelli classificati nelle categorie A/1, A/8 e A/9 che rimangono assoggettati all’imposta.

Sono inoltre esclusi da IMU i seguenti immobili soggetti a TASI:

  • i fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita, fintanto che permanga tale destinazione e non siano in ogni caso locati;
  • i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’art.9, comma 3-bis, del D.L. n.557/1993 (L.133/2014).

Torna sù