Comune di Spilimbergo
Sito Web Ufficiale - Official Web Site

Assetto del Territorio

Notizie

Zone "30"

19-07-2017

Informazioni sull'istituzione delle zone "30"

Fatture elettroniche

13-02-2015 Logo Fattura PA

dal 31 marzo 2015 il via alla Fatturazione elettronica: il Codice dell'Ufficio unico è UF0QRI

Tulel le informazioni del territorio sempre in tasca

01-12-2014

GONG, la App del Sindaco, per smartphone e tablet. Le informazioni del territorio sempre in tasca


L'ASSETTO DEL TERRITORIO comprende i seguenti Uffici / Servizi:

Assessore referente: Armando SPAGNOLO
 
Responsabile di Area
p.i. Pietro DE NARDO 

Sostituto: dott. Ugo BATTISTELLA

Addetti:
arch. Renzo PUIATTI
geom. Giancarlo ZAVAGNO
geom. Dario LORENZINI
sig. ra Marcella VIOZZI

Sede del Servizio:
Palazzo di Sopra - Piazzetta Tiepolo, 1 - 4° piano 

Recapiti telefonici:
0427 591.166 Fax 0427 591.167
e-mail: urbanistica(at)comune.spilimbergo.pn.it
 
Orario
dal Lunedì al Venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30 nonché il Martedì e Giovedì pomeriggio dalle ore 15.00 alle ore 17.00

Orario al Pubblico per lo Sportello Catastale Decentrato: 
il Martedì e il Giovedì dalle 10 alle 12 e dalle 15,30 alle 17,30

URBANISTICA


L’Urbanistica, si esplica nell’applicazione e nell’adattamento del PRGC attraverso la proposizione di opportune varianti e la loro predisposizione, nelle verifiche di compatibilità urbanistica relativa a tutte le procedure autorizzative di competenza della Regione, nella tenuta e nell’aggiornamento della Cartografia di Piano, nonché nella predisposizione delle dichiarazioni di destinazione urbanistica, nella gestione degli strumenti urbanistici attuativi riguardanti i PRPC del Centro Storico di iniziativa pubblica e i PRPC dei Comparti di lottizzazione di iniziativa privata con l’adeguamento alle Norme di Attuazione dei relativi strumenti urbanistici e la formazione dei Regolamenti tecnici.

Altre incombenze sono derivate dall’istituzione delle Aree di rilevante interesse ambientale A.R.I.A., dei Siti di Interesse Comunitario S.I.C., delle Zone di Protezione Speciale Z.P.S. dei Piani di Assetto Idrogeologico P.A.I..
Tali strumenti sovracomunali si sovrappongono e coesistono insieme allo strumento urbanistico comunale e regolamentano il territorio comunale imponendo livelli diversificati e vincoli di salvaguardia e di tutela ambientale e idrogeologica.  

Inoltre, per quanto attiene l’attività estrattiva che interessa il territorio comunale, il servizio attua le verifiche in ordine all’adempimento delle disposizioni dell’autorizzazione regionale e di tutti gli obblighi previsti dalla normativa regionale L.R. 18.08.1986 n. 35. 

Con l’entrata in vigore della nuova legge regionale 5/2007, sono state adeguate le procedure urbanistiche con riferimento al Regolamento attuativo

Attività e finalità del Servizio: 

    • Attività di supervisione e supporto tecnico ai professionisti redattori, delle varianti allo strumento urbanistico comunale generale, conseguenti all’evoluzione delle politiche territoriali dell’Amministrazione;
    • Attività di controllo e verifica tecnica sugli elaborati progettuali dei PRPC di iniziativa privata riguardanti gli ambiti unitari distribuiti sul territorio, nonché predisposizione degli atti amministrativi afferenti le procedure di adozione ed approvazione; 
    • Attuazione degli incarichi conferiti al Servizio per la predisposizione delle Varianti urbanistiche al PRGC secondo le modalità che saranno stabilite dal relativo atto giuntale di indirizzo;
    • Predisposizione atti amministrativi per il collaudo delle opere di urbanizzazione relative agli strumenti attuativi di iniziativa privata e attività di verifica preventiva sulle procedure di cessione delle infrastrutturazioni  e relativi sedimi da parte dei lottizzanti;
    • Istruttoria e predisposizione degli atti abilitativi per l’attivazione dei lavori edilizi privati entro i termini stabiliti dalla Legislazione regionale in materia

Atti di pianificazione del territorio

EDILIZIA PRIVATA


L’Edilizia Privata ha il compito di sovrintendere al corretto sviluppo edilizio del Territorio, da parte di tutti i soggetti sia privati che pubblici, nel rispetto degli strumenti urbanistici comunali e sovra comunali, i programmi di attuazione, delle norme di sicurezza e dei diritti dei terzi, confinanti o meno.
Con l’entrata in vigore della nuova legge regionale 19/2009, sono state adeguate le procedure edilizie con riferimento al Regolamento attuativo e al testo unico D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380.

Allo svolgimento di questa funzione è impegnato nella sua totalità il settore dell’Edilizia privata.

I compiti assolti sono molteplici:

  • ricezione delle pratiche edilizie, cura della loro istruttoria, richiesta pareri agli uffici ed enti preposti sovra comunali, l’Autorità sanitaria ed eventualmente agli altri Enti interessati, per la loro presentazione in Commissione Edilizia; 
  • determinazione degli oneri concessori, tenuta dei registri e  scadenziari relativi; 
  • predisposizione, pubblicazione e rilascio delle Concessioni/Permessi a costruire od autorizzazioni, e trasmissione delle risultanze; 
  • classificazione, conservazione ed archiviazione delle pratiche edilizie; 
  • predisposizione di tutti i tipi di dichiarazioni relative all’edilizia abitativa, provvedendo anche alla ricerca presso gli archivi delle pratiche necessarie per il rilascio di certificazioni; 
  • offrire informazioni e consulenze in merito ai problemi relativi all’edilizia privata; 
  • effettuare di sopralluoghi tecnici di accertamento per il rilascio di agibilità/abitabilità.

Accanto a queste sopradescritte vi sono però anche notevoli incombenze di natura derivata e complementare, quali istruttoria e predisposizione degli atti per rilascio o rinnovo di autorizzazioni in materia delegata dallo Stato, autorizzazioni per l’esercizio di ascensori, montacarichi, depositi e distributori di carburante, verifiche e sanatorie per il condono edilizio.

Oltre a quelle sopraindicate, l’Ufficio sovrintende anche a tutte le incombenze relative alla gestione delle pratiche di abusivismo edilizio e alla predisposizione delle procedure in concerto con l’ufficio di polizia locale per sopraluoghi ed istruttorie; ed ancora tutti i rapporti con gli altri Enti che operano sul territorio, per la manutenzione e l’ampliamento delle proprie reti di servizio e relative infrastrutture (ENEL, TELECOM, ITALGAS, CONSORZIO DI BONIFICA C.M. ed altri).

MODULISTICA, INFORMAZIONI, AVVISI e REGOLAMENTO EDILIZIO

Informazioni e normativa sull'attività edilizia (in formato .PDF)

MODULISTICA REGIONALE

Regolamento di attuazione della Legge Regionale 11 novembre 2009 n. 19 “Codice regionale dell’edilizia”)

Art. 3 (Documenti e atti di assenso o certificazione necessari all’esecuzione degli interventi edilizi) 

  1. Le istanze e  la  documentazione  necessaria  all’esecuzione  degli  interventi  edilizi sono presentate dai soggetti individuati ai sensi dell’articolo 21 della legge e controfirmate o dai  professionisti  dagli  stessi  incaricati,  secondo  i  modelli  di  cui  all’Allegato  B,  anche attraverso  procedure   informatiche   con   trasmissione   delle   istanze   e   dei   documenti   o elaborazione delle informazioni in via telematica.
  2. I modelli di cui  al  comma  1  possono  essere  integrati  dal  Comune  con  ulteriori schede   di   contenuto   tecnico   esclusivamente   per  esigenze   di   tutela   paesaggistica, ambientale,  storico-culturale  o  tipologico  -  architettonica  espressamente  individuate  negli strumenti  urbanistici  e  regolamenti  edilizi.  In  ogni  caso non può richiedersi l’allegazione  di documenti  o  certificazioni  non  richieste  espressamente  dalle  leggi  di  settore  applicabili all’intervento.
  3. Sono fatte salve le procedure informatiche adottate dal Comune ai sensi della L.R. 5/2007 a condizione che garantiscano l’osservanza degli articoli 1 e 7 della Legge.

Tabella Diritti di Segreteria per: CERTIFICATI ED ATTESTAZIONI IN MATERIA URBANISTICA ED EDILIZIA

Extracomunitari: L.R. 23/8/1985 n. 44

Linee guida per il riutilizzo delle terre e rocce di scavo

Con deliberazione n. 43 del 12 marzo 2009 la Giunta Comunale ha approvato le "Linee guida per il riutilizzo delle terre e rocce da scavo".

Scarica le Linee Guida e la Modulistica

Autorizzazioni Paesaggistiche

Ambiti di interesse paesaggistico

Nelle aree di interesse paesaggistico, definite nella parte terza del D.Lgs. 42/2004, ogni intervento modificativo dello stato dei luoghi o dell’aspetto esteriore degli edifici è soggetto al preventivo ottenimento dell’autorizzazione paesaggistica, ai sensi dell’art. 146 del menzionato D.Lgs. 42/2004.

Sono esclusi dall’obbligo di autorizzazione:

  • gli interventi indicati all’art. 149 del D.Lgs. 42/2004;
  • gli interventi indicati all’art. 3 dell’Accordo Regione/MiBAC del 2009 e successiva integrazione del 2013;
  • gli interventi indicati all’allegato A del D.P.R. 31/2017

Gli interventi di lieve entità elencati nell’allegato A al D.P.Reg. 149/2012 e quelli indicati all’allegato B del D.P.R. 31/2017 sono soggetti a procedura semplificata.

Aree escluse dalla tutela paesaggistica

Nel sito del Comune di Spilimbergo, alla pagina dedicata al Piano Regolatore Comunale, si trova l’indicazione della Zonizzazione vincoli rispetto aree tutelate (D.lgs 42/2004, art 142, c. 2) che rimanda alla Pianificazione e governo del Territorio, nella quale è indicata la Zona Galasso - vincoli di rispetto aree tutelate (D.lgs 42/2004, art 142, c. 2), la cui cartografia riporta in rosso le delimitazioni delle zone A e B alla data del 06.09.1985.
Tali zone sono escluse dall’applicazione delle norme di tutela dei Beni paesaggistici di cui al D.Lgs. 42/2004 e s.m.e i.

Modalità di presentazione della domanda

La domanda in bollo va presentata all’ufficio protocollo del Comune di Spilimbergo o in via PEC all’indirizzo: comune.spilimbergo(at)certgov.fvg.it
Qualora l'istanza sia inclusa in un procedimento Unico per attività produttive va presentata allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP).

Documentazione da presentare

  • domanda di autorizzazione secondo modello predisposto;
  • relazione paesaggistica, in triplice copia, redatta con i contenuti richiesti dal D.P.C.M. 12.12.2005. Per gli interventi di lieve entità elencati nell’allegato A al D.P.Reg. 10.07.2014, n. 0149 e all’allegato B del D.P.R. 31/2017, la relazione paesaggistica può essere predisposta in forma semplificata secondo il modello allegato al D.P.C.M 12.12.2005;
  • relazione tecnica ed elaborati grafici, in triplice copia;
  • dichiarazione del progettista di conformità urbanistica ed edilizia, solo nel caso di autorizzazione paesaggistica semplificata;

Costi

  • marca da bollo da € 16.00 sulla domanda e una per l’autorizzazione;
  • per diritti di segreteria: allegare attestazione versamenti di € 80.00 (causale “diritti segreteria per autorizzazione paesaggistica”) da eseguirsi sul C.C. postale n. 11754595, intestato al Comune di Spilimbergo-Servizio Tesoreria ovvero attraverso il bonifico bancario sul conto IT 82 D 03599 01800 000000139259, intestato al Comune di Spilimbergo.

MODULISTICA

Autorizzazioni paesaggistiche di competenza regionale

Ai sensi dell’art. 60 della L.R. 5/2007, la competenza al rilascio delle autorizzazioni paesaggistiche rimane di competenza regionale per:

  • nuovi edifici o interventi di demolizione e ricostruzione e ampliamenti di edifici con volumetria superiore a mc. 5.000;
  • riduzioni di superfici boscate di dimensione superiore a mq. 5.000;
  • interventi sui corsi d’acqua iscritti negli elenchi di cui al R.D. 775/1933 a eccezione di quelli per i quali è prevista la presentazione di SCIA ovvero quelli eseguibili in attività edilizia libera;
  • le autorizzazioni relative a opere e interventi che implichino movimenti di terra superiori a 30.000 metri cubi;
  • opere ed interventi assoggettati a conformità urbanistica.

Accertamenti di compatibilità paesaggistica

In caso di lavori eseguiti in assenza o difformità dall’autorizzazione paesaggistica, il trasgressore è soggetto alla demolizione e alla rimessione in pristino dello stato dei luoghi.
Nei casi di cui all’art. 167, c. 4, del D.Lgs. 42/2004 è possibile ottenere un provvedimento di sanatoria, denominato “accertamento di compatibilità paesaggistica”, previo parere favorevole della Soprintendenza.

Oltre alla domanda di autorizzazione paesaggistica e per ogni utile informazione, sono riportate le seguenti Norme e Circolari:

PATRIMONIO


Il Patrimonio comprende la conduzione amministrativa dei beni demaniali e del patrimonio comunale, con particolare riguardo a quello immobiliare, mentre la gestione e la manutenzione appartiene al competente ufficio comunale.

I compiti assegnati al servizio sono molteplici e spesso in coordinamento con altri Servizi tecnici ed Amministrativi dell’Ente:

  • Redazione di perizie estimative
  • Aggiornamento e revisione dell’inventario, per la parte relativa al patrimonio immobiliare
  • Procedure inerenti al trasferimento di diritti reali sugli immobili
  • Predisposizione di pro-memoria propedeutici alla stipula contrattuale di tutti gli atti di vendita, acquisto, permuta, servitù, per conto del contraente Comune
  • Redazione di giudizi di stima riguardanti al valore dei beni immobili di proprietà dell’Ente o di privati idonei ad acclarare gli importi da esporre a base di atti di compravendita ad altro
  • Verifiche e ricerche presso Ufficio Registro, Catasto, Conservatoria, ect.
  • Redazione con procedura automatizzata su supporto magnetico di Note di trascrizione e di voltura degli atti rogati dal Segretario Comunale
  • Raccolta e archiviazione delle transazioni private di immobili, dei frazionamenti e degli accatastamenti.
  • Richieste o rinnovi di concessioni demaniali ad uso dell’Ente.
  • Attuazione della normativa di cui alla L. 879/1986 e della L.R. 56/1990 per il trasferimento al Comune di aree ex alveo di corsi d’acqua regimati.
  • Esecuzione pratiche catastali afferenti la cancellazione dal N.C.E.U. di unità immobiliari demolite per esecuzione opere pubbliche.
  • Attuazione della normativa afferente l’insediamento catastale di nuove immobiliari realizzate dal Comune.
  • Verifica utilizzo immobili di proprietà comunale concessi ad associazioni sportive ed altre, al fine di definire i conti da addebitare alle stesse per l’uso.

ESPROPRI


Contestualmente l’ufficio svolge attività di consulenza con il servizio dei lavori pubblici e dell’urbanistica per la verifica e la predisposizione dei procedimenti di asservimento, occupazione ed acquisizione coattiva o bonaria dei suoli per la realizzazione di opere pubbliche e di pubblica utilità di competenza del Comune e di Enti che si avvalgono del supporto amministrativo.

I compiti assegnati al servizio sono spesso svolti in coordinamento con altri Servizi tecnici ed Amministrativi dell’Ente:

  • Istruttoria progetti di OO.PP. da realizzare da Comune per la sola parte afferente i Piani Parcellari d’Esproprio
  • Procedure espropriative o d’asservimento
  • Redazione Piani Parcellari d’Esproprio e progetti d’Ufficio
  • Esecuzione di tutte le procedure espropriative inerenti progetti di realizzo d’opere pubbliche di competenza del Comune